In questo sito non vengono utilizzati cookies per raccogliere informazioni personali in modo diretto ma alcuni elementi di terze parti potrebbero anche utilizzarli.
Cliccando su "approvo", navigando il sito o scorrendo questa pagina confermi di accettare i cookies
(che ricordiamo possono essere sempre disabilitati dalle impostazioni del tuo browser).
Leggi come vengono utilizzati i cookies su questo sito - Approvo

Se il cittadino osa e si lamenta, non è Civico: è cattivo!

C'è sempre un cittadino buono e uno cattivo, come c'è sempre un politico bravo e uno asino, un amministratore onesto e uno disonesto, uno in buonafede e uno in malafede.
Ma spesso l'appartenenza a una delle due categorie dipende da chi guarda o ascolta, da chi giudica.

È un po' la storia del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto.
Il risultato è lo stesso ma cambia il punto di vista, dipende dalla sete che ancora hai.

A volte il modo di vedere le cose può essere anche indice di ottimismo o di pessimismo.
A volte può dipendere anche da opportunismo o convenienza personale.
A volte anche l'esercizio del "leccaculismo" condiziona il modo di vedere le cose, di analizzarle.

E questo discorso potremmo allargarlo anche ad altre categorie, magari al giornalismo o ai presunti giornalisti.
Premesso che oggi basta avere una penna nel taschino per sentirsi giornalisti, anche fra loro ci sono i buoni e i cattivi.
Dipende sempre da quello che scrivono, dipende da chi legge, dipende soprattutto da chi sono i lettori a cui si rivolgono, dal direttore che devono accontentare, dallo sponsor che devono soddisfare.

E magari anche dal politicante di turno che vogliono appoggiare.
Se poi per credo o convenienza non posso certo giudicarlo io.

Oggi qualcuno dipennamunito ha deciso che tra i politici che ci governano (male) e i cittadini che li contrastano (civilmente), i cattivi sono proprio i civici.

È tra loro che risiede il male.
E ne prende le distanze, per fortuna.
Subito appoggiato da tre o quattro personaggiucci che dei suoi favori usufruiscono. O magari viceversa.

Bene, è nell'ordine delle cose.
Per quanto mi riguarda preferisco stare dalla parte dei cattivi civici piuttosto che da quelli dei buoni leccaculo.

Con buona pace del giornalista, di chi lo condivide e soprattutto mia.
Amen.

G.Paglia

Photogallery

Commenti

13/03/2016
11:59:53
Mah! (inviato da Barbara)
Infatti come si può prendere sul serio un giornalista che non rispetta neppure le basi della grammatica?
12/03/2016
10:03:54
apostrofo (inviato da carla)
Nota di sorriso.. Ma uno che scrive un oasi senza accento é giornalista o giornalaio? :-( non mi dite che può pure diventare direttore! :-)

Lascia un commento

Loading...
0