In questo sito non vengono utilizzati cookies per raccogliere informazioni personali in modo diretto ma alcuni elementi di terze parti potrebbero anche utilizzarli.
Cliccando su "approvo", navigando il sito o scorrendo questa pagina confermi di accettare i cookies
(che ricordiamo possono essere sempre disabilitati dalle impostazioni del tuo browser).
Leggi come vengono utilizzati i cookies su questo sito - Approvo

Rsa, sviluppi positivi da parte della Regione. Si attendono risposte dal Comune

Sono passati appena due giorni dall’incontro avvenuto alla Quercia, che ha visto presenti circa cento persone. A rappresentare i familiari degli ospiti delle Rsa come sempre l’associazione Aforset, la cui presidente, Laura Calcagnini, ha invitato tutti a non arrendersi e continuare a far sentire la propria voce.

I racconti sono al limite dell’inverosimile: persone indebitate, familiari che con una pensione da 1500 euro pagano rette da 1870 ed affermano di essersi sentiti rispondere: “se non hai i soldi vendi la casa.”

La delibera “svuota Rsa” del Comune di Viterbo ha stabilito che chiunque possieda una casa o un conto corrente non debba ricevere più alcun contributo. Ed i risultati sono nelle parole delle persone presenti.

Ma questa è una parte della storia. Ad oggi si è nella posizione di dare notizie migliori.

Le leggiamo in una nota del Consigliere Regionale Daniele Sabatini, che riporta quanto segue: “950 mila euro per i comuni della Tuscia, di cui circa 300 mila euro per la città di Viterbo, per un totale di quasi 11 milioni per tutto il Lazio. Sono queste le cifre dei contributi stanziati come saldo dell’annualità 2014, per la partecipazione della Regione Lazio alla spesa per gli utenti ricoverati in residenze sanitarie assistenziali e presso le strutture riabilitative di mantenimento in regime residenziale e semiresidenziale. Queste determinazioni portano una boccata d’ossigeno per gli utenti ricoverati nelle strutture e per le loro famiglie, per questo ringraziamo l’assessore regionale alle Politiche sociali Rita Visini e l’assessore al bilancio Alessandra Sartore per la loro disponibilità e per la sensibilità dimostrata verso questa emergenza.”

Certamente una sferzata di positività in una storia popolata più di disperazione ed affanno che di notizie positive. La Regione dal canto suo da un segnale, ora non resta che attendere un passo dal Comune. Le figure politiche coinvolte restano poche, Unione della Tuscia sostiene la causa con le parole della nuova coordinatrice Alessia De Rubeis, la stessa Laura Calcagnini mostra in sede di riunione le raccomandate spedite ad ogni parlamentare del territorio, affermando che nessuno ha risposto agli inviti, ad eccezione di Daniele Sabatini (Ncd).

Michelini fa sapere che gli uffici hanno predisposto una proposta di regolamento che arriverà in maggioranza nei prossimi giorni ed in commissione il 23 Ottobre.

Si attende un segnale forte, il rispetto delle norme regionali e nazionali e la conseguente revoca della delibera della vergogna.

Maria Rita Pieri

Photogallery

Commenti

17/10/2015
07:31:12
Grazie (inviato da Carlo Centaro)
Grazie Daniele. Non ti sei mosso solo per le persone che stanno male.. Ma ti sei mosso per una intera comunità. Ti siamo grati x questo. Ora il sindaco di Viterbo se non fa nulla si deve solo che vergognare, lui e chi ancora lo sostiene.

Lascia un commento

Loading...
0